Turismo a Montecarlo

fini_tullianiSu questa vicenda del fratello della compagna di Fini che avrebbe occupato in modo sospetto un appartamento a Montecarlo, un tempo appartenuto ad An, tg e giornali berlusconiani non mollano la presa.

E fanno bene, è un vero scandalo!

Fini frequenta Berlusconi da due decenni, ma dà l’impressione di non avere ancora capito qual è l’uso che va fatto di parenti, portaborse, amanti, segretarie, lacchè e tirapiedi vari.

Un vero uomo di potere, che abbia la fortuna di vivere in Italia, coltiva una sua corte e con i sottopancia occupa i vertici dello Stato e dell’economia. Mica lascia che vadano a sprecare il loro tempo a Montecarlo, come dei turisti qualsiasi!


Annunci

Terrorismo di Stato

La storia dell’appartamento di Montecarlo dà l’impressione di essere montata ad arte allo scopo di far saltare la terza carica dello Stato, il presidente della Camera Gianfranco Fini.

D’altra parte, nei momenti di difficoltà del regime è sempre così. Per stabilizzare la situazione, si fa esplodere qualche carica.


Il virus del dissenso

gianfranco_finiGianfranco Fini denuncia “l’illiberalità” del suo ormai ex-partito. Ma il Pdl risponde di averlo cacciato perché è un “virus”: piccolo, e dunque meschino; patogeno e parassitario; e, quel che è peggio, causa di contagio.

Per gli italiani sembra inevitabile, a questo punto, la convocazione di fronte agli schermi tv per una nuova, più vigorosa campagna di vaccinazioni di massa.


Giustizia o libertà

Gianfranco Fini è stato liquidato perché aveva deciso di dare battaglia sui temi della giustizia all’interno del Popolo della libertà. Una manovra paralizzante che rischiava di soffocare il partito nella morsa di uno straziante dilemma: giustizia o libertà?