L’indispensabile e il superfluo

berlusconi_mitraBerlusconi è spesso in vena di confidenze. Al primo ministro bulgaro ha ora confessato di sentirsi “indispensabile”. Si sarebbe tentati di sorridere di tanta grossolanità. Come si fa a non capire che aveva ragione De Gaulle, quando osservava, con amara ironia, che di uomini indispensabili sono pieni i cimiteri?

C’è in B. molta smania, boria, un infantile narcisismo tutto immerso in fantasie d’onnipotenza, che la democrazia è nata apposta per tenere a bada. Mezzo mondo – quello civile – ne sorride stupito. Ma possiamo accontentarci di uno scrollo di spalle noi, che viviamo in una democrazia sempre più malata?

Il problema di B. è che molte delle sue fantasie lui le ha sapute realizzare. Piace e trascina le masse anche per questo. Quanti crederanno, imbambolati, alla sua indispensabilità? C’è di che preoccuparsi.

Hitler, Stalin, Mao, Pol Pot sono i nomi che subito vengono alla mente quando si pensa a leader che, implacabili, hanno fatto di tutto per affermarsi come indispensabili. Il loro tragico lascito è sempre stato un vuoto incolmabile.

Degli uomini necessari è meglio fare a meno prima che siano loro a liquidarti come superfluo.


Annunci

Un commento su “L’indispensabile e il superfluo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...